Ultima modifica: 16 maggio 2017

Guida – Attivazione gratuita indirizzo @pec.ipasvitaranto.com

Il Consiglio Direttivo ed il Collegio dei Revisori dei conti del Collegio IPASVI di Taranto ha valutato l’opportunità di attivare gratuitamente una casella personale di Posta Elettronica Certificata (PEC) per i propri Iscritti, al fine di facilitare i rapporti fra Collegio ed Iscritti, fra Iscritti e Pubbliche Amministrazioni, fra Professionisti e Cittadini con cui si trovano ad interagire per motivi professionali.

La Posta Elettronica Certificata è sinonimo di comunicazione elettronica certa in quanto permette di dare ad un messaggio di posta elettronica lo stesso valore legale di una raccomandata con avviso di ricevimento tradizionale, garantendo la prova dell’invio e della consegna.

Guida – Attivazione gratuita indirizzo @pec.ipasvitaranto.com

Perché è consigliato cambiare la password provvisoria ricevuta con la notifica di attivazione PEC?

Per questioni di sicurezza e privacy è consigliato cambiare appena possibile la password provvisoria ricevuta con la notifica di attivazione PEC.
Ricorda che una buona password deve essere composta da almeno 8 caratteri alfanumerici, contenere almeno un carattere appartenente alle lettere maiuscole (da A a Z), contenere almeno un carattere appartenente alle prime dieci cifre (da 0 a 9) e contenere almeno un carattere appartenente ai caratteri non alfabetici (ad esempio !,$,#,%), essere diversa da quella precedente (quella cioè rilasciata dall’Amministratore).
Si consiglia inoltre di non usare parole comuni, la data del tuo compleanno, il tuo nome utente o parole che possono essere lette sul dizionario.

Come mi verrà notificata l’attivazione dell’indirizzo PEC?

Appena il tuo indirizzo PEC sarà attivo riceverai sull’indirizzo di posta ordinario, indicato nel modulo d’ordine, una comunicazione con allegato il certificato di titolarità ed è riportata la password d’accesso provvisoria alla PEC personale.

Che forma avrà l’indirizzo di Posta Elettronica Certificata richiesto?

L’indirizzo PEC avrà la seguente forma ipotetica:
cognome.nome@pec.ipasvitaranto.com
Nel caso di omonimie, ossia Iscritti al Collegio IPASVI di Taranto con lo stesso cognome/i e nome/i, verrà introdotto un numero identificativo per differenziare gli indirizzi di Posta Elettronica Certificata.

In quanto tempo sarà attivato l’indirizzo PEC?

L’indirizzo di Posta Elettronica Certificata sarà attivo entro e non oltre i 15 giorni lavorativi dall’invio dell’istanza di accesso al servizio.

In che formato deve essere prodotta la documentazione necessaria per richiedere l’attivazione del servizio?

Sia il modulo d’ordine che gli allegati richiesti devono essere prodotti ed inoltrati in formato PDF.
Non verranno accettati da parte dell’Ufficio di Segreteria documenti presentati in diverso formato.

È obbligatorio aderire al servizio di PEC gratuita offerto dal Collegio IPASVI di Taranto?

Non è obbligatorio aderire al servizio di PEC gratuita offerto dal Collegio IPASVI Taranto.
Si ricorda però che, anche in caso di non adesione al servizio, permane l’obbligo per tutti gli Iscritti di comunicare al Collegio il proprio indirizzo di Posta Elettronica Certificata (Decreto Legge n. 185 del 29 novembre 2008, convertito in legge, con modificazioni, dalla Legge n. 2 del 28 gennaio 2009, all’art. 16).

L’indicazione nel modulo d’ordine di un indirizzo di posta elettronica già in proprio possesso è un dato obbligatorio?

SI. L’indicazione nel modulo d’ordine di un indirizzo e-mail già in proprio possesso è un dato obbligatorio, in quanto sarà utilizzato per l’invio del certificato di attivazione PEC e per la comunicazione della password d’accesso provvisoria. Si raccomanda, pertanto, di scriverlo in modo chiaro, facendo attenzione ad utilizzare le lettere minuscole/maiuscole solo dove effettivamente presenti.

Nel modulo d’ordine devo apporre qualche timbro affianco alle mie firme?

NO. Di fianco alle tre firme non deve essere apposto alcun timbro.

Posso consegnare la documentazione in forma cartacea direttamente all’Ufficio di Segreteria?

NO. La documentazione richiesta per l’attivazione del servizio di PEC gratuita deve essere inviata all’Ufficio esclusivamente a mezzo posta elettronica.

Come consegno la documentazione richiesta per l’attivazione del servizio?

Il modulo d’ordine e i documenti necessari per la richiesta di attivazione del servizio di PEC gratuita devono essere inviati all’Ufficio di Segreteria esclusivamente a mezzo posta elettronica.
La documentazione suindicata, prodotta in formato PDF, deve essere allegata ad una e-mail avente come oggetto la seguente dicitura “Richiesta di attivazione PEC” seguita da nome e cognome del richiedente ed inoltrata all’indirizzo attivazionepec@ipasvitaranto.com.

La sezione del modulo d’ordine relativa al Legale Rappresentante va compilata?

NO. La parte del modulo d’ordine relativa al Legale Rappresentante non va compilata.

La sezione del modulo d’ordine relativa ai liberi professionisti va compilata?

Nel modulo d’ordine PEC, la parte relativa al Libero Professionista va compilata solo nel caso in cui si è liberi professionisti infermieri.

Quali documenti devo allegare al modulo d’ordine?

Al modulo d’ordine devono essere allegati i seguenti documenti:

  1. copia fronte/retro del documento (carta d’identità, patente di guida o passaporto) indicato nel modulo d’ordine; tieni presente che il documento di riferimento deve essere in corso di validità;
  2. copia fronte/retro del codice fiscale.

Invitiamo coloro che aderiscono al servizio di allegare al modulo tutta la documentazione richiesta. La mancanza di tutti o parte dei documenti renderà nulla l’istanza di attivazione dell’indirizzo PEC.

Come deve essere compilato il modulo d’ordine?

Affinché il modulo d’ordine sia compilato in maniera completa e corretta e venga quindi accettato da parte dell’Ufficio di Segreteria bisogna:

  1. non compilare e non firmare la parte superiore del modulo; tale sezione, contraddistinta da un riquadro arancione, è infatti a cura del Partner di Aruba Pec S.p.A;
  2. compilare, prestando particolare attenzione, i campi relativi ai propri dati anagrafici e personali;
  3. completare la parte del modulo relativa al Libero Professionista, solo nel caso in cui si è liberi professionisti infermieri;
  4. non completare la parte del Legale Rappresentante;
  5. apporre, alla fine del modulo, negli spazi etichettati il Cliente Partner, tre firme; si specifica che, di fianco alle firme, non va apposto nessun timbro.

Invitiamo i Colleghi che vorranno aderire al seguente servizio di compilare il modulo d’ordine nel modo più chiaro e completo possibile. La sua non corretta compilazione, l’assenza di una delle tre firme o l’illeggibilità del contenuto, renderà nulla l’istanza di attivazione dell’indirizzo PEC.

Come faccio a richiedere l’attivazione gratuita dell’indirizzo PEC?

Per attivare, in maniera totalmente gratuita, un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) segui i seguenti passi:

  1. clicca qui per  scaricare il modulo d’ordine e compilalo;
  2. allega ad esso copia fronte/retro del documento (carta d’identità, patente di guida o passaporto) che hai indicato nel modulo d’ordine; tieni presente che il documento di riferimento deve essere in corso di validità;
  3. allega copia fronte/retro del codice fiscale.

Il modulo d’ordine e i documenti necessari per la richiesta di attivazione del servizio devono essere inviati all’Ufficio di Segreteria esclusivamente a mezzo posta elettronica. La documentazione suindicata, prodotta in formato PDF, deve essere allegata ad una e-mail avente come oggetto la seguente dicitura “Richiesta di attivazione PEC” seguita da nome e cognome del richiedente ed inoltrata all’indirizzo di posta elettronica ordinaria attivazionepec@ipasvitaranto.com.

A chi è rivolto il servizio?

Il servizio di attivazione gratuita di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata è rivolto a tutti gli Iscritti del Collegio IPASVI di Taranto.